compila il form per informazioni e domande, il nostro team ti risponderà quanto prima.

    Top
    m

    Tecnologia BIM: passo in avanti per la digitalizzazione in edilizia

    tecnologia bim

    Con il Nuovo Decreto BIM in vigore dal 2 agosto 2021 a firma del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e della Mobilità Sostenibile è stato integrato quello che era il decreto Baratono del 1° dicembre 2017, che regolamenta modalità e tempistiche per l’introduzione progressiva della tecnologia BIM – Building Information Modeling, ossia i metodi e degli strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture.

    Le necessità di semplificazione poste in essere dal Decreto Legge n° 77/2021 ha portato un’accelerazione dell’obbligatorietà dell’utilizzo della tecnologia BIM nell’ambito degli appalti pubblici.

    Obbligatorietà dell’utilizzo dei file BIM

    Per le opere di importo a base di gara pari o superiore a 15 milioni di euro il BIM diventa obbligatorio a partire dal 1° gennaio 2022.
    L’obbligo è posticipato di anno e dunque al 1° gennaio 2023 per le opere di importo a base di gara pari o superiore alla soglia di cui all’articolo 35 del Codice dei contratti pubblici, corrispondenti a 5,35 milioni per gli appalti pubblici di lavori e per le concessioni.
    Slitta invece al 1° gennaio 2025 l’obbligatorietà del BIM per le opere di importo a base di gara pari o superiore a 1 milione di euro.

    Sprech ha rilasciato i file BIM dei suoi prodotti gratuitamente sulla piattaforma Archiproducts, per visionare la nostra pagina BIM clicca qui.